~ Fototeca Storica Nazionale Ando Gilardi ~

La traccia universale

17_46_11_ottobre_17_BLG_©FototecaGilardi

Sta rimbalzando su tutti i quotidiani la notizia che le impronte digitali, da più di un secolo punto fermo dell’identificazione, non siano realmente “uniche” e diverse da individuo a individuo. Insieme alla fotografia segnaletica, la loro applicazione in ambito criminologico segnò una vera svolta epocale illudendoci di poter controllare le devianze, semplicemente “schedandole” in modo scientifico. Il potere costituito appropriandosi delle facce e delle impronte dei delinquenti, poteva finalmente Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 11-10-2017

Stelle letterarie – Bilancia

17_45_04_ottobre_17_BLG_©FototecaGilardi

Il settimo segno dello Zodiaco, dopo un percorso che ci vede concentrati sul nostro mondo personale e privato, spalanca le porte sul mondo dell’Altro, folgorandoci con la consapevolezza che non siamo unici e neppure soli. Nel segno della Bilancia vediamo due “piatti” che devono (vogliono) stare in equilibrio e per ottenere ciò sono costretti a osservarsi, confrontarsi e rispettarsi reciprocamente.
È proprio questa natura che “vede doppio” a colorare con la sua amabilità, con il suo senso estetico ed etico, le scelte degli Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 04-10-2017

Medicina animale

17_44_27_settembre_17_BLG_©FototecaGilardi

Nel XVII secolo la salute della popolazione era nelle mani di figure distinte tra loro, ciascuno convinto che la propria arte fosse la migliore: i medici, i farmacisti e i famosi chirurghi-barbieri che si occupavano di estrazioni dentarie e lesioni minori. A Parigi, sotto il regno di Luigi XIV, la diatriba tra i vari “curatori” si fece ad un certo punto tanto accesa da dilagare per tutta la Francia.
I farmacisti sostenevano che la loro arte fosse ben più antica della medicina, poiché piante e animali da cui si ricavavano i rimedi farmacologici allora in uso, esistevano ben prima dell’uomo.
I medici ribattevano citando Eraclito, per il quale la saggezza umana consisteva nell’osservare e imitare la Natura, e affermavano che anche la medicina era più antica dell’uomo dal momento che Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 27-09-2017

Il filo rosso della vita

17_43_20_settembre_17_BLG_©FototecaGilardi

Esiste il Fato?
Quante delle nostre decisioni sono libere?
Siamo davvero arbitri del nostro destino?
Gli antichi ritenevano di no e ponevano la vita degli uomini in mano agli dei, in particolare ad una “trinità” di divinità femminili che i latini chiamavano Parche, i Greci Moire e i popoli nordici Norne.
Queste figure mitologiche erano la personificazione dell’ineluttabilità del destino e avevano una Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 21-09-2017

Osteria del Drago

17_42_13_settembre_17_BLG_©FototecaGilardi

Tanto tanto tempo fa, quando non avevamo il sacro panico dei batteri e la fissa della prevenzione cosmica , il mondo era più divertente.  A Milano capitava spesso che qualche spiritoso ti invitasse a bere al Drago Verde.
Un invito ad un probabile ristorante cinese dal tuo coetaneo dodicenne, era un po’ strano, così scioccamente esclamavi: “eeeeh??? Dove??? … io non posso uscire…” e ti ritrovavi un amico (di solito più milanese di te, perché eravamo tanti, noi con origini extra-regionali) sghignazzante e Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 14-09-2017

Il funerale dell’ironia

17_41_06_settembre_17_BLG_©FototecaGilardi

Intorno al 1880 sui periodici inglesi apparve una pubblicità che molti avrebbero definito blasfema: Papa Leone XIII raffigurato con un’espressione gaudente e, in mano, una tazza di brodo fumante benedice una gigantesca acquasantiera piena di estratto di carne Bovril, sotto lo slogan “Two Infallibles Powers”: “Due infallibili poteri”. Chiara l’allusione al dogma dell’infallibilità papale proclamato solo un decennio prima da Pio IX, dogma che avrà divertito molto gli anglicani e che si prestava perfettamente, nella sua ingenuità e supponenza, a questo scopo.
Forse è solo ad una certa distanza temporale che possiamo cogliere la comicità di certi messaggi e apprezzarne l’ironia o il sarcasmo, per questo era tristemente prevedibile la sollevazione di scudi di chi, di fronte alla nuova pubblicità del Buondì Motta, sta ancora Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 06-09-2017

Stelle letterarie – Vergine

17_40_30_agosto_17_BLG_©FototecaGilardi

L’arte è la bellezza, l’invenzione perpetua dei dettagli, la scelta delle parole, la cura attenta nell’esecuzione.”
Ecco cosa pensava Théophile Gautier dell’essere scrittore.
Il Vergine Théophile Gautier, come la Vergine Agatha Christie, riteneva che nell’attenzione al dettaglio fosse racchiuso ogni segreto, che la cura puntuale nel comporre una storia , nel descrivere personaggi e luoghi fosse essenziale perché ne risultasse una vera opera d’arte. Certo poi impiegò 30 anni per scrivere il suo “Capitan Fracassa” , ma anche questo è un dettaglio.
Nel frattempo riuscì a comporre una quantità immensa di poesie, cronache, romanzi, recensioni artistiche guadagnandosi la stima di tutti i suoi contemporanei, persino dall’ombroso Baudelaire che lo ricordò come “poeta impeccabile e perfetto mago in lettere francesi”.
Impeccabile e perfetto.
Due obbiettivi a cui la Vergine Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 30-08-2017

Stelle letterarie – Leone

17_39_04_agosto_17_BLG_©FototecaGilardi

I Leoni messi davanti ad una biblioteca possono avere due reazioni opposte e ugualmente drastiche: voltare annoiati le spalle ai libri perché la letteratura è l’ultimo dei loro interessi, oppure immergersi totalmente in quel mondo poiché per un Leone alla vera passione non si resiste.
Il primo genere letterario che assocerei a questo segno fiero e vitale, dominato dall’astro solare e da Y-Eolo, pianeta dell’inizio del Tempo, è Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 03-08-2017

Intimo esplosivo

17_38_02_agosto_17_BLG__©FototecaGilardi

La storia del costume da bagno femminile potrebbe essere raccontata semplicemente seguendo la progressiva riduzione del tessuto necessario per produrlo. Fu Ortensia di Beauharnais, regina d’Olanda, che nel 1812 sfidò per prima le convenzioni sociali entrando in mare con un abito completo di corsetto e pantaloni sotto la gonna. Ma solo nel 1825 una seconda donna si fece preparare un abito destinato ai bagni in mare: il costume era formato da un vestito di lana lungo fino ai piedi completo di calze e scarpe, guanti, cappello e ombrellino. L’audace dama che indossò per la prima volta questo abito “da bagno” non era altri che Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 02-08-2017

Il guanciale quotidiano

17_37_26_luglio_17_BLG_©FototecaGilardi

Confesso, c’è un idolo nella mia vita. Un idolo morbido e confortante al quale non potrei mai rinunciare: il cuscino. Certo non lo venero al punto di sposarmi con lui come ha fatto due anni fa un coreano, ma dormire senza cuscino lo ritengo una tortura e quando mi capita di trovarne uno di piume non resisto, me lo accaparro subdolamente prima che altri se ne accorgano e lo sistemo nel mio letto. Da alcuni anni poi se ne Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 26-07-2017