~ Fototeca Storica Nazionale Ando Gilardi ~

Pizzi, trine e merletti

lavoro pizzi al tombolo, Abruzzo 1966 circa - elaborazione ©FototecaGilardi

Non è affatto strano che l’arte del pizzo nel corso della storia, abbia toccato vette eccelse soprattutto nelle città di mare. Accostare i delicati intrecci di fili sospesi nel vuoto, con le reti da pesca e le alghe marine, è piuttosto naturale e il legame con l’arte di fare i nodi, notoriamente patrimonio dei naviganti, ad esempio si ritrova pari pari nella tecnica del macramé, un pizzo di origine araba creato intrecciando e annodando fili con le dita. Il macramé (termine che in arabo associa le parole “frangia” e “nodo”) ha un’origine antichissima e giunge in Italia nel (altro…)

Autore: stefania lucarelli Postato il : 12-09-2019

Non ci sono commenti


I giganti del mare

transatlantico in viaggio, Cromolitografia 1922 - Elaborazione ©Fototeca Gilardi

Il 4 settembre 1881 le due più grandi compagnie di armatori italiani, la palermitana Florio e la genovese Rubattino, si fondono per dare vita alla Generale Navigazione Italiana. Siamo nell’epoca d’oro dei Transatlantici, gli oceani sono solcati dai maestosi giganti del mare che trasportano merci e passeggeri intorno al mondo e l’Italia, unita da poco, ha necessità di sostenere la concorrenza delle compagnie straniere nelle tratte che stanno già (altro…)

Autore: stefania lucarelli Postato il : 04-09-2019

Non ci sono commenti


La cattura della luce divina del Solstizio

personificazione del dio Sole. Incisione, Roma 1613 - elaborazione ©Fototeca Gilardi

Oggi inizia ufficialmente l’estate: come ogni anno il 21 giugno segna il momento in cui, alle nostre latitudini, il Sole sembra fermarsi e stazionare nel cielo, da qui la definizione di “solstizio” che indica il giorno più lungo dell’anno, quello in cui per gli antichi, la divinità solare raggiungeva la sua massima potenza per poi lentamente declinare.
Il Solstizio d’estate, così come quello d’inverno, ha rappresentato a lungo per l’umanità un momento importante sia per (altro…)

Autore: stefania lucarelli Postato il : 21-06-2019

Non ci sono commenti


Addio (parziale) alla bottiglia di plastica

inquinamento dell'acqua XIX secolo, e montagne di rifiuti XX secolo - elaborazione ©Fototeca Gilardi

Quando nel 1973 la plastica, già impiegata nella produzione di oggetti di lunga durata, divenne il materiale preferito per contenere acqua e bevande, nessuno mosse un passo nonostante fosse più che evidente l’impatto ambientale che questa decisione avrebbe avuto sulle nostre vite.
Oggi dopo soli 46 anni, i nostri mari sono in uno stato pietoso e la Commissione Europea fa finalmente un altro passo avanti nella messa al bando della plastica. Nel 2015 il divieto aveva già preso di mira l’uso dei (altro…)

Autore: stefania lucarelli Postato il : 27-05-2019

Non ci sono commenti


I tre inventori della ruota (di gomma)

Automobile con pneumatico di scorta 1900 circa elaborazione ©Fototeca Gilardi

All’inizio furono dolori.
Dolori di schiena per la precisione.
Certo l’entusiasmo di possedere un’automobile superava ogni disagio, ma quelle ruote “da carrozza” montate sul modernissimo mezzo di trasporto orgoglio di fine Ottocento, dopo qualche tempo cominciarono ad attirare l’attenzione degli inventori di tutto il mondo. In realtà, ancor prima che nascesse l’automobile, il problema dei sobbalzi durante i viaggi in carrozza e in generale nei veicoli con ruote, aveva preoccupato le geniali menti ottocentesche. Anche la prima bicicletta, la draisina, era comparsa nel 1816 con ruote di legno e metallo, e forse proprio per questo dopo un (altro…)

Autore: stefania lucarelli Postato il : 27-03-2019

Non ci sono commenti


C’era una volta… il Quarto Stato

il Quarto Stato che ... avanza - esercitazione di audiovisivo fatto a mano - Foto/gram, 1981 ©Fototeca Gilardi

C’era una volta… questo  è il risultato (tradotto in un attuale file .gif) di una esercitazione realizzata durante una lezione targata Foto/gram, tenuta da Ando Gilardi nel 1981 sulla fabbricazione di audiovisivi fatti a mano. Foto/gram è stato un gruppo di lavoro composto da operatori culturali di varie provenienze: dal grafico al cibernetico, al fotografo allo storico, etc. il cui fine era quello di  (altro…)

Autore: elena piccini Postato il : 04-02-2019

Non ci sono commenti


Stirato e inamidato

pubblicità del ferro da stiro nel 1900, elaborazione ©Fototeca Gilardi

Uno degli elettrodomestici che oggi riteniamo tra i più obsoleti e inutili, è il ferro da stiro.
Complice l’aumento esponenziale dei materiali sintetici nell’industria tessile ormai è raro avere in casa abiti che sopportino la stiratura, lenzuola e tovaglie spesso vengono riposte dopo una velocissima passata, eppure ci sono state epoche in cui il ferro da stiro sembrava indispensabile. Ancora negli anni Cinquanta e Sessanta molte mogli passavano ore a inamidare camicie e volants di pizzo, e a stirare accuratamente gli abiti per renderli lisci e impeccabili. L’effetto tenuta del (altro…)

Autore: stefania lucarelli Postato il : 11-12-2018

Non ci sono commenti


Origini dell’illuminazione pubblica

giochi di clown intorno ad un lampione, cromolitografia XX secolo elaborazione ©Fototeca Gilardi

Ricco di vicoli e recessi, non certo libero da malfattori che operavano favoriti dalle tenebre, il territorio italiano nel XVII secolo (all’epoca frammentato in vari regni) era celebre tra i turisti stranieri per la sua completa oscurità notturna, fonte di non poche ansie e critiche. Mentre Parigi (non a caso definita la ville lumière) dopo lunghi tentativi di provvedere alla sicurezza delle strade, fin dal 1667 si dotava di lanterne pubbliche, in Italia ancora le prescrizioni relative all’illuminazione delle strade si limitavano a vaghe raccomandazioni, nei confronti delle famiglie più abbienti, di tenere lanterne o (altro…)

Autore: stefania lucarelli Postato il : 28-11-2018

Non ci sono commenti


Stile da chef

il cuoco pubblicizza la farina per dolci, Gran Bretagna XIX secolo,  elaborazione ©Fototeca Gilardi

Entrando in una ricca cucina medievale o rinascimentale, come avremmo potuto riconoscere lo chef, il “comandante” della cucina?
Oggi è relativamente facile in quanto, da quasi due secoli, l’uniforme candida e soprattutto la toque blanche, il caratteristico copricapo cilindrico, fanno parte dell’iconografia del cuoco e lo chef non è solo il più esperto cuoco, ma decide ogni dettaglio relativo alla cucina (piccola o grande) e, tradizionalmente, dovrebbe essere il solo ad indossare la toque.
Anticamente non era così. Negli ambienti nobiliari, la figura dello chef di cucina era distinta da (altro…)

Autore: stefania lucarelli Postato il : 09-11-2018

Non ci sono commenti


Buttare o riparare?

La bottega del calzolaio,  fotografia del 1897 elaborazione ©Fototeca Gilardi

Nonostante da decenni le industrie sfornino prodotti “a scadenza”, ancora qualcuno se ne stupisce.
Le recenti multe comminate ad Apple e Samsung per aver diffuso aggiornamenti che rendono artificialmente vecchi gli smartphone, hanno dimostrato una volta per tutte che l’obsolescenza viene accuratamente programmata soprattutto nel settore tecnologia o su beni di grande valore. Che dire ad esempio del ricambio forzato di automobili in base ad un calendario a tappe già stabilito fino al 2025, per cui automobili che acquistiamo oggi, sono destinate a (altro…)

Autore: stefania lucarelli Postato il : 05-11-2018

Non ci sono commenti