~ Fototeca Storica Nazionale Ando Gilardi ~

Rosea pesca delle mie brame

16_30_06_luglio16_BLG

Uno dei miei più vividi ricordi di bambina, associato alle vacanze estive, è quello degli infiniti campi di peschi carichi, che scorrevano velocemente lungo l’autostrada per chilometri e chilometri, suscitandomi un irrazionale desiderio di furto che ancora mi imbarazza.
Mio padre, nato in campagna, ridendo diceva che rubare un frutto non era rubare; lui, che da bambino durante la bella stagione viveva arrampicato sulle piante, infatti doveva ben saperlo! Anche (altro…)

Autore: stefania lucarelli Postato il : 06-07-2016

Non ci sono commenti


Vendemmie dionisiache

La vite rappresenta, per i popoli del Mediterraneo il frutto per eccellenza.
Bene facilmente trasportabile in anfore e di semplice conservazione, il vino fu commerciato fin dalla notte dei tempi; attorno alla coltivazione della preziosissima vite fiorirono intere culture e si diffusero rituali e tradizioni che giungono fino a noi.
Già seimila anni fa i Sumeri simboleggiavano con una foglia di vite, la stessa esistenza umana. (altro…)

Autore: stefania lucarelli Postato il : 09-09-2013

Un commento


Phoenix Dactyliphera

Chiamata phoinix (fenice) dagli antichi greci che la identificavano come la pianta più amata in Fenicia, data la sua frequente rappresentazione come albero sacro e simbolico, la palma da dattero (Phoenix Dactyliphera L.) è una delle prime piante coltivate dall’umanità. (altro…)

Autore: stefania lucarelli Postato il : 27-07-2011

Non ci sono commenti


Scacciadiavoli

Tra il 23 e il 24 giugno, festa di San Giovanni, si celebra il solstizio d’estate, cioè il momento dell’anno in cui il Sole (principio maschile) posizionato nel Cancro, segno della Luna (principio femminile) raggiunge la sua massima inclinazione positiva. Esotericamente viene rappresentato (altro…)

Autore: stefania lucarelli Postato il : 15-06-2011

Non ci sono commenti


La corona di Demetra

Si racconta che l’ultimo re di Roma Tarquinio il Superbo, interrogato dal figlio su quale fosse la prossima mossa contro il nemico, senza proferire parola decapitò con un colpo di spada i più alti papaveri che ondeggiavano nel giardino. Sembra che sia questa l’origine dell’appellativo di “alti papaveri” (alti, alti, alti!) usato oggi per indicare i vertici del potere politico. (altro…)

Autore: stefania lucarelli Postato il : 18-05-2011

Non ci sono commenti


L’insostituibile selvatica

Già conosciuta in ambito medico 4.000 anni fa, dagli antichi Egizi, la cicoria viene citata anche da Plinio il Vecchio come rinfrescante, utile al fegato, alle reni e allo stomaco; un tempo nelle campagne veniva utilizzata dai contadini per favorire l’espulsione del sacco amniotico nelle vacche, durante il parto. Gli antichi Germani la consideravano una pianta magica, (altro…)

Autore: stefania lucarelli Postato il : 27-04-2011

Non ci sono commenti


Fata Artemisia

L’innamoramento che ciclicamente risorge intorno alla leggendaria “Fée Verte”, l’Assenzio, il “liquore maledetto”, la bevanda preferita dagli artisti della Belle Epoque e, recentemente, anche di personaggi come Marilyn Manson ed Eminem, ha origine nientemeno che da una “leggenda metropolitana”. (altro…)

Autore: stefania lucarelli Postato il : 30-03-2011

Non ci sono commenti


L’alloro e l’ombelico del mondo

La fanciulla con il capo ornato da una corona di alloro, cammina lentamente verso l’antro masticando foglie della pianta sacra ad Apollo, si sofferma alla fonte divinatoria poi raggiunge il punto più sacro della grotta dove si trova l’omphalos, l’ombelico della Terra. Dalla profonda fenditura nella roccia (altro…)

Autore: stefania lucarelli Postato il : 28-02-2011

Non ci sono commenti


Mister Tree 2011

Dall’11 al 25 febbraio è possibile visitare a Roma una  mostra fotografica  dal titolo “Le Bocche Fiamminghe”, dedicata agli alberi monumentali d’Italia, proprio mentre (altro…)

Autore: stefania lucarelli Postato il : 16-02-2011

Non ci sono commenti


Hyssopus

Il modesto fiore azzurro dell’Issopo (Hyssopus Officinalis L.) ci parla di purificazione. Scriveva Anatole France: “Anacoreti e cenobiti vivevano nell’astinenza, prendendo qualche cibo non prima che il sole fosse tramontato, e tutti i loro pasti si riducevano a puro pane con un po’ di sale e d’issopo.” (altro…)

Autore: stefania lucarelli Postato il : 26-01-2011

Non ci sono commenti