~ Fototeca Storica Nazionale Ando Gilardi ~

Immacolata Concezione

Tag:, , , ,

Maria Immacolata,  xilografia XIX secolo, elaborazione ©Fototeca Gilardi

L’8 dicembre il mondo cattolico celebra la festa di Maria Immacolata, evento di cui pochi ricordano o conoscono l’origine. Onorata soprattutto nelle regioni del sud con falò e fuochi , la ricorrenza mostra un profondo legame con le tradizioni precristiane che in questo periodo dell’anno mettevano in scena la “sconfitta dell’inverno”.
Il Dogma dell’Immacolata Concezione venne proclamato dalla chiesa soltanto nel 1858, ad opera di Papa Pio IX con la Bolla “Ineffabilis Deus”, ma nel sentire popolare l’idea che Maria Vergine fosse stata l’unica donna nata senza peccato originale, era già diffusa da secoli. Sì perché Maria Immacolata significa “senza macchia”, cioè concepita nel grembo della madre Anna come essere puro, di corpo e di spirito (poiché destinato a far crescere e nascere il Dio fatto uomo), mentre spesso questo dogma religioso viene confuso con quello molto più discusso e “miracoloso” della sua verginità post-parto. Oggetto di infinite discussioni teologiche, vide esprimersi nel merito della questione pensatori del calibro di Sant’Agostino, Tommaso d’Aquino e John Duns Scotus il quale sosteneva l’attendibilità del dogma e convinse di ciò i suoi fratelli francescani, destinati a scontrarsi per secoli sulla questione con gli scettici domenicani.
L’Immacolata Concezione è solo una delle numerose feste dedicate a Maria di Nazareth. Venne fissata l’8 dicembre, esattamente 9 mesi prima della sua nascita (8 settembre) ed è seguita il 10 dicembre dalla festa di Santa Maria Aviatrice, meglio conosciuta come Madonna di Loreto: “aviatrice” in quanto una leggenda narra la sua richiesta (presto esaudita dagli angeli) di trasportare in volo la casa di Nazareth attraverso il mare, fino alla cittadina marchigiana di Loreto. Due giorni dopo, il 12 dicembre, abbiamo un’altra festa dedicata ancora a Maria, quella che celebra la Madonna di Guadalupe, icona azteca miracolosamente impressa sul mantello di un devoto dopo un’apparizione.
Anche la festa dell’Immacolata è confermata da un’apparizione. Pochi mesi prima della proclamazione del dogma da parte di Pio IX, in un remoto paesino francese tra l’11 febbraio e il 16 luglio 1858 una contadina adolescente di nome Bernadette Soubirous aveva assistito a ben diciotto apparizioni di una “bella signora” in una grotta. Durante una di queste apparizioni la signora si sarebbe autodefinita “Immacolata concezione”, segno che tra il popolo cattolico la diatriba tra domenicani e francescani si era già risolta a favore di questi ultimi e che al Papa non restava altro che sottoscriverlo ufficialmente.
© riproduzione riservata

Autore: stefania lucarelli Postato il : 05-12-2018