~ Fototeca Storica Nazionale Ando Gilardi ~

Fantafuturo

Tag:, , , , , ,

Robida, in volo nel XX secolo, Parigi 1883 - elaborazione ©Fototeca Gilardi

Un cielo ingombro di macchine volanti, un centro estetico robotico, guerre tra pianeti, ma anche autobus sottomarini e videotelefoni. Ecco come ci immaginavano un secolo fa.
Le raffigurazioni del futuro possibile, di questo fantomatico secondo millennio, hanno ispirato la fantasia di illustratori, fumettisti e grafici per molti decenni, arrivando a produrre scenari fantastici che, nella loro ingenuità, a volte si sono rivelati profetici.
Sono soprattutto i vecchi album di figurine e le copertine dei libri di fantascienza che, dai precursori Verne e Wells, fino agli autori degli anni Sessanta, raccontano un futuro pieno di speranze e timori, dove è possibile viaggiare nello spazio come niente fosse, dove disinvolti dischi volanti provocano la pioggia, ma l’invasione aliena è dietro l’angolo e la chirurgia umana si mescola con i progressi della robotica per produrre cyborg.
E se in queste meravigliose illustrazioni e cartoline, eleganti signori giocano a tennis per aria muniti di improbabili ali e racchetta, se un corpo umano può sopravvivere solo come una testa montata su una sofisticata carriola, c’è anche però qualche tentativo di prevedere l’evoluzione autentica delle utilitarie o una realistica meccanizzazione del lavoro agricolo.
Vengono profetizzati tunnel sottomarini e treni monorotaia, lo sviluppo di feti in uteri artificiali e l’esplorazione della Luna; il computer sembra già aleggiare in modo preciso nell’immaginazione dei nostri bisnonni, così come lo sfruttamento delle energie rinnovabili e quello che è diventato il simbolo della nostra epoca, l’immancabile “telefonino” che campeggia spesso tra le mani dei protagonisti del Duemila immaginario.

© riproduzione riservata

Autore: stefania lucarelli Postato il : 28-06-2018