~ Fototeca Storica Nazionale Ando Gilardi ~

Que viva Chile!

Una buona notizia, buona davvero: e Dio non voglia che i giorni che avete vissuto nel profondo della miniera siano ricordati da voi come i più belli della vostra vita. Grazie compagni, grazie davvero ….

Autore: ando gilardi
Postato il : 15-10-2010

Arte moderna


Cesare Lombroso venne accusato di profanare i cadaveri oggetto delle sue ricerche e di conservarne i reperti. Nel testamento chiese di essere a sua volta fatto oggetto di analisi dopo la morte, e che la sua testa venisse esposta in un vaso di formalina nel museo che aveva fondato e che si trova a Torino. Nel 1976 Attilio Mina e Ando Gilardi riuscirono nella davvero impossibile impresa, a esporre l’opera come capolavoro dell’Arte, in una grandiosa mostra nella Galleria dell’Arte Moderna di Bologna, allora diretta da Franco Solmi, con fra le altre un famoso Guttuso. Qui allegata una “brutta” fotografia dove si vede Ando ancora senza barba e Attilio con una visitatrice presente per caso. Oggi i grandi maestri dell’arte moderna (Cattelan) sono ancora in arretrato rispetto a questo episodio di almeno trent’anni.

Autore: ando gilardi
Postato il : 06-10-2010

Senza le fotografie

Una storia che dicevo riassunta in poche immagini: un amico che si chiama Diego, il più grande storico della fotografia, mi aveva chiesto un testo e quelle che credevo le fotografie più belle: il titolo fu SENZA LE FOTOGRAFIE ma gli chiesi di stampare il testo nero su nero. Qui sono due FOTO di una serie più lunga dove molte centinaia di donne con dei bambini spogliate nude, sono in fila sul fondo di una grande fossa in attesa di essere uccise una per volta dopo averle fatte accomodare meglio per farcene stare tante. Non si muore subito si urla, si piange, si caga e si piscia si nasconde il bambino sotto ma è peggio. Eccetera, ci vuole fantasia per capire le fotografie senza le quali nulla sarebbe accaduto. Una donna si salvò e tornò ancora nel ghetto dove era stata prelevata. Ho un mucchio di fotografie come queste.

(per volontà di Ando Gilardi il testo per  “Il diradarsi dell’oscurità – Il Trentino, i trentini nella seconda guerra mondiale – Volume 1/1939-1941″  è stato pubblicato nero su nero.  E’ leggibile in bianco sul sito del laboratorio di Storia di Rovereto)

Autore: ando gilardi
Postato il : 01-10-2010

Andoreflex

HANA – «Sei definitivamente impazzito!?…» ANDO – «E perchè?» HANA – «Cosa c’entra Sisifo con la Photokina…» ANDO – «In tutti i miti che lo riguardano, Sisifo appare come il più scaltro dei mortali e il meno scrupoloso. La sua leggenda comprende numerosissimi episodi, ognuno dei quali è la storia di una sua astuzia.» HANA – «E con questo?….» ANDO – «Se fosse vissuto ai nostri giorni, sarebbe stato ricchissimo e avrebbe fabbricato la ANDOFLEX …» HANA – «E perchè?…» ANDO – «Dice Proust che la sofferenza è una necessità dell’Artista per credere che quello che ha fatto è una vera opera d’arte. Si arriva al punto di credere, e pensa a Manzoni il pittore, che anche la cacca, se viene evacuata dopo sforzi sovrumani e dolore, non è più cacca e può essere messa in scatolette e firmata. Anche la fotografia…» HANA -… «Fermatiiii…!!»
Leggi tutto »

Autore: ando gilardi
Postato il : 27-09-2010

Fotografia versus Ecclesiaste

ANDO – Dopo 5.000 anni la Fotografia smentisce la Bibbia, l’Ecclesiaste, Quolet. “…

1,8 Tutte le cose sono in travaglio e nessuno potrebbe spiegarne il motivo. Non si sazia l’occhio di guardare né mai l’orecchio è sazio di udire. Leggi tutto »

Autore: ando gilardi
Postato il : 05-08-2010

Analfabeti informatici

ANDO – Secondo i dati dell’UNESCO Institute for Statistics, circa due terzi della popolazione analfabeta mondiale sono composti da donne. In alcune regioni, circa la metà delle donne è analfabeta. Nel mondo numero totale è di circa 771 milioni di analfabeti, di cui 2/3 di donne. Ci sono circa 137 milioni di analfabeti giovani o bambini, di cui 61% ragazze. Leggi tutto »

Autore: ando gilardi
Postato il :

Metodo gilardesco per la misurazione delle folle

ANDO – Si possono contare gli individui di una folla, l’immagine allegata spiega come. E’ necessario Photoshop, il metodo illustrato non è unico ma il più divertente- Con Photoshop si potrebbe squadrettare la folla … insomma chi lo usa ha capito. Il numero proclamato dagli organizzatori dei raduni è curiosamente moltiplicato quasi sempre per 10, per cui 100.000 persone diventano un milione. Io assegno un premio annuale a chi esagera tanto, nel 2009 è stato vinto dalla CGIL e mi ha fatto piacere perchè ci ho lavorato con amicizia fraterna … dimenticavo, le anamorfosi le deformano ma non cambiano il numero delle persone naturalmente con un ago e tanta tanta pazienza si possono contare le persone anche subito una per una LE MOLTE BANDIERE SONO UNA ASTUZIA PER COPRIRE I BUCHI NELLA FOLLA! …. Leggi tutto »

Autore: ando gilardi
Postato il :

La psicologia delle folle

ANDO – GUSTAV LE BON (1841-1931), fu uno dei fondatori della “Psicologia sociale“. Nato in Francia a Nogent-Le Retrou, fu il primo psicologo a studiare scientificamente il comportamento delle folle, cercando di identificarne i caratteri peculiari e proponendo tecniche adatte per guidarle e controllarle. Per questa ragione le sue opere vennero attentamente studiate dai dittatori totalitari del novecento, i quali basarono il proprio potere sulla capacità di controllare e manipolare le masse. Leggi tutto »

Autore: ando gilardi
Postato il : 30-07-2010

La scatola per stelle

ANDO copio – “… La verità è che l’idea della scatola venne prima di quella del gioco del dado:  nacque subito dopo la legge che prescriveva agli Ebrei di cucire una stella gialla sull’abito: per gli ebrei ricchi questo significava l’acquisto addirittura di dozzine di stelle! Con un amico stilista studiammo a lungo il modello, optammo per una tela di sacco molto ruvida e grossolana, Leggi tutto »

Autore: ando gilardi
Postato il : 28-07-2010

Il Cubo magico

l Cubo di Rubik, o Cubo magico (Rubik-kocka in ungherese) è un celebre rompicapo (in particolare un twisty puzzle) inventato dal professore di architettura e scultore ungherese Ernő Rubik nel 1974. Chiamato originariamente Magic Cube (Cubo magico) dal suo inventore, il rompicapo fu rinominato in Rubik’s Cube (Cubo di Rubik) dalla Ideal Toys nel 1980. È il giocattolo più venduto della storia, Leggi tutto »

Autore: ando gilardi
Postato il :