~ Fototeca Storica Nazionale Ando Gilardi ~

L’aureo pomo delle Esperidi

il Giudizio di Paride o il pomo della discordia, elaborazoione ©Fototeca Gilardi

Uno degli alberi da frutto autunnali più antichi, sebbene quasi dimenticato, è il Cotogno il cui nome scientifico (Pirus Cydonia L. o Malus cydonia PL.) allude alla provenienza della mela cotogna da Cydonia (Candia) città dell’isola di Creta celebre per i suoi frutteti. Chiamato anche Malum aureum Hesperidium da Virgilio, appare nel mito come l’albero dai pomi d’oro del Giardino delle Esperidi. È Esiodo a narrare di bellissime ninfe figlie di Atlante, le Esperidi, custodi di un giardino incantato all’estremo occidente del mondo e dell’albero posto al centro del giardino, pieno di frutti color dell’oro. Per gli antichi Greci la cotogna è infatti Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 17-10-2018

La Strage di Melissa

croce di legno posta sulla tomba di bracciante ucciso, strage di Melissa 24 ottobre 1949 Fotografia di Ando Gilardi ©Fototeca Gilardi

Molte pagine buie del passato sono dimenticate e le loro preziose tracce restano custodite solo negli archivi storici. Questo è il caso della Strage di Melissa, quando contadini che chiedevano pane e lavoro tornarono a casa con colpi di mitra nella schiena … e qualcuno non tornò affatto.

È l’ottobre del 1949. La guerra è finita da poco e tutto il Sud è in fermento per l’imminente Riforma Agraria: i decreti del ministro dell’agricoltura Fausto Gullo, già dal 1944 hanno concesso le zone incolte dei latifondi meridionali ai contadini, che versano in condizioni disumane.
In Calabria i proprietari sono particolarmente sordi alle sollecitazioni del Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 10-10-2018

Schiavi del gilet

moda maschile del 1900, elaborazione ©Fototeca Gilardi

Sotto la giacca fa l’uomo elegante, indossato sulla camicia evoca i cowboys, sulla pelle nuda invece rivela le sue umilissime origini. Il gilet infatti è un capo d’abbigliamento che ha una storia curiosa. Nasce in Turchia con il nome yelek , parola che indicava una giubba di panno con maniche larghe e fino al gomito, usata dagli schiavi delle galere. Non è un caso che nelle “Mille e una notte” il genio, schiavo della lampada, venga spesso raffigurato con ampi calzoni “alla turca” e un semplice gilet ricamato. Con il tempo, in ambito orientale, si trasformò in un Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 03-10-2018

I 4 Nani e i 4 Figli del Vento

mappa disegnata da Nicolas Sanson (1600-1667) elaborazione ©Fototeca Gilardi

In molte culture ai 4 punti cardinali sono associati 4 Guardiani che proteggono le entrate del Mondo e corrispondono spesso a 4 colori dotati di valenze sacre.
Nella tradizione induista ad esempio, a guardia del Nord di colore giallo, abbiamo Kubera, dio della ricchezza, seduto su un leone e con una mangusta (nemica dei serpenti, simbolo di avidità e odio) sotto il braccio sinistro.
Sovrano degli spiriti maligni, Yama è invece Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 26-09-2018

Lo sterminio dei lebbrosi

La purificazione del lebbroso,  da "La Bible" a cura De Sacy XIX sec. elaborazione ©Fototeca Gilardi

L’immaginario medioevale sarebbe incompleto senza la scomodissima presenza di un gruppo di uomini e donne vaganti fuori dai centri abitati, emarginati dalla società, destinatari di rari sentimenti di pietà umana, e molto più spesso di disprezzo e paura: i lebbrosi.
Trattati come capri espiatori in diversi passi della Bibbia (Mosè ne decreta l’isolamento e l’espulsione dietro richiesta divina), reietti della società e cacciati per evitare Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 19-09-2018

ZOOdiaco – Vergine

ZOOroscopo:  Vergine - elaborazione  ©Fototeca Gilardi

Lo Zodiaco può dirci sotto che Segno (temperamento) ricadono gli animali? Ad esempio i gatti, i canarini, le lucertole, a che Segno si possono associare? Su questo possiamo sbizzarrirci, non c’è molta letteratura in merito e per una volta ci concediamo di giocare con un po’ di leggerezza passando in rassegna mese dopo mese l’intero Zodiaco.

Nell’operoso mondo della Vergine, dove il concetto di “singolo” è sostituito da quello di “gruppo” e dove l’aspirazione alla grandezza lascia il passo alla passione per le piccolezze, entriamo nell’affascinante universo degli insetti. Niente di meglio di un formicaio per vedere i condizionamenti astrologici verginei all’opera nel mondo animale.

La formica che nelle filastrocche e nelle favole lavora senza posa per prepararsi al rigido inverno e, contemporaneamente, riesce a propinare Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 12-09-2018

Cartoline dal mare

Cartoline dalle vacanze, anni 60 e precedenti del secolo scorso,  elaborazione ©Fototeca Gilardi

E rieccoci a Settembre. Con gli occhi traboccanti di scatti vacanzieri cerchiamo di arginare il senso di malinconia imminente, al pensiero del nuovo anno lavorativo/scolastico che ci aspetta.
Peccato che le fugaci immagini digitali delle ferie sfiorino le nostra mente senza lasciare una traccia più consistente. E peccato che quelle postate sui social da amici e conoscenti siano così naturalmente egoriferite da non donarci altro che un pizzico di fugace invidia nei loro confronti.
In questi momenti alcuni di noi rischiano di Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 07-09-2018

Labirinti per ritrovarsi e perdersi

Teseo e Minotauro dal frontespizio di Fedra, D'Annunzio 1909 elaborazione ©Fototeca Gilardi

Il primo labirinto che la storia ricordi, o almeno il più famoso, risale a cinquemila anni fa.
È la celebre opera progettata da Dedalo all’interno del palazzo di Cnosso a Creta, in cui il re Minosse nascondeva il Minotauro, l’uomo dalla testa di toro nato dalla moglie Pasifae al quale Atene era costretta a tributare ogni anno un sacrificio umano di 7 ragazzi e 7 fanciulle. Il mito racconta che Teseo, figlio di Egeo re di Atene, deciso a porre fine all’ecatombe risolse di imbarcarsi insieme alle altre vittime destinate a Creta, allo scopo di uccidere il Minotauro. La principessa cretese Arianna, innamoratasi del principe ateniese volle donargli un gomitolo di filo d’oro da srotolare lungo il Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 03-09-2018

Le terribili origini della risata sardonica

Locandina del film "London After Midnight" di Tod Browning, 1927 elaborazione ©Fototeca Gilardi

Ci sono espressioni che, con la naturale trasformazione della lingua, perdono via via di importanza fino a divenire oscure. Sui margini del “cono d’ombra” proiettato dall’oblìo linguistico troviamo, tra le moltissime definizioni in fase di scomparsa, quella di “risata sardonica” che indica quel particolare ghigno beffardo, quella risata amara e sprezzante che si dipinge sul volto dei migliori malvagi dello schermo.
Quando da bambina lessi per la prima volta questo modo di dire, intuitivamente lo legai Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 29-08-2018

Zoodiaco – Leone

ZOOroscopo: Leone, elaborazione ©Fototeca Gilardi

Lo Zodiaco può dirci sotto che Segno ricadono le specie animali? Ad esempio i gatti, i canarini, le lucertole, a che Segno si possono associare? Su questo argomento possiamo sbizzarrirci, poiché non c’è molta letteratura astrologica in merito e per una volta ci concediamo di giocare con un po’ di leggerezza passando in rassegna mese dopo mese l’intero Zodiaco.

Ed eccoci arrivati al nostro sovrano zodiacale, il fiero e magnanimo Leone.
Sole, calore, vita … anche un po’ troppa a dire il vero! L’energia sprigionata dal Leone sembra inesauribile, eppure lui come il suo animale araldico, è lì sdraiato immobile e splendente, con la criniera appena mossa dal vento. L’associazione con il re della savana è ovvia e perfetta, anche quando Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 03-08-2018