~ Fototeca Storica Nazionale Ando Gilardi ~

La costruzione del razzismo italiano

regime fascista, Italia anni Trenta: propaganda coloniale caricaturale e manifesto della razza;  elaborazione ©Fototeca Gilardi

Il 5 agosto 1938 esce il primo numero de “La Difesa della Razza” il quindicinale che accompagnò e sostenne la promulgazione delle Leggi Razziali da parte del regime fascista. Diretta da Telesio Interlandi, la rivista ebbe come Capo Redattore Giorgio Almirante, futuro Capo di Gabinetto della Repubblica di Salò e fondatore, insieme a personaggi come Junio Valerio Borghese e Rodolfo Graziani, del Movimento Sociale Italiano. La “Difesa della Razza”, in un’Italia già quietamente assuefatta a un diffuso Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 19-02-2020

Afternoon Tea

William Henry Fox Talbot, Tavolino preparato per il tè. Calotipia, Gran Bretagna 1841 dettaglio ©Fototeca Gilardi

L’usanza inglese di bere ebbe origine a metà del 1600 in ambiente aristocratico.

Come spesso accade, la difficoltà e il costo di reperire questa gustosa pianta aromatica cinese (inizialmente destinata ad uso medicinale) rendevano più che mai il consumo di tè uno status symbol, un piacere che soltanto i ricchi potevano permettersi. Verso la fine del XVII secolo il tè, con tutto il suo Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 13-02-2020

AstroDonne – L’ Aquario Susan Brownell Anthony

AstroDonne, elaborazione ©Fototeca Gilardi

“Io non credo a quelle persone che sanno così bene che cosa vuole Dio, perché noto che questo corrisponde sempre a quello che essi stessi vogliono.”

Niente più di questa frase potrebbe definire lo straordinario temperamento aquariano di Susan Brownell Anthony, una delle più importanti attiviste americane per i diritti civili del XIX secolo e figura di spicco del movimento abolizionista e del movimento per il suffragio femminile. Susan Anthony è tra i personaggi che rappresentano meglio la donna Aquario, notoriamente Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 06-02-2020

La nascita del costume popolare

Costumi tradizionali  varie stampe depoca, elaborazione  ©Fototeca Gilardi

Uno degli elementi più folkloristici e amati della nostra tradizione è costituito dai coloratissimi abiti popolari che tutti noi immaginiamo tramandati nei secoli, attraverso le generazioni, fino ad allietare le nostre rievocazioni storiche e le nostre sagre odierne. Lunghe gonne di panno, corpetti e scialli ricamati, pantaloni a sbuffo, gilet e cappelli di feltro, zoccoli e stivali, nastri, nappe, fiocchi, camicie immacolate: nella fantasia popolare sono questi gli Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 30-01-2020

Mesi figurati

calendario didattico e allegorico nella storia , elaborazione ©Fototeca Gilardi

La percezione del tempo è forse uno dei fattori che più ci distingue dai nostri avi. Indubbiamente il ritmo delle nostre vite sembra immensamente accelerato rispetto a quello dei nostri bisnonni, accelerato e ritmato in modo regolare e sempre costante, come un battito cardiaco: ogni giorno è uguale all’altro; ogni giorno, ogni mese, ogni settimana svolgiamo le nostre attività per lo stesso numero di ore, nello stesso luogo, con gli stessi strumenti e mezzi, facendo Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 22-01-2020

Hermes alla catena

Mercurio alato, affresco di Raffaello Sanzio, elaborazione ©Fototeca Gilardi

Sorry, we missed you di Ken Loach ha finalmente sollevato il velo che copriva, agli occhi dei più indifferenti, i danni irreparabili che la diffusione del commercio on-line sta procurando a lavoratori e ambiente. Con il suo sguardo disincantato e privo di ipocrisia, il regista ha messo in luce il feroce sfruttamento in atto nei confronti di migliaia di lavoratori (i corrieri del commercio digitale) ridotti ad una plebe senza Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 15-01-2020

Pacifisti fuori moda

lavoratori dimostrano contro la guerra, 1935 elaborazione ©Fototeca Gilardi

Non raccontiamoci bugie: il Pacifismo è tragicamente fuori moda.
Da tempo indossiamo con serietà le nostre “felpe mentali” con scritto: “viva la legge della giungla”, ”homo homini lupus”, ”occhio per occhio, dente per dente”, dimentichi del fatto che nel corso della storia i rari periodi di prosperità siano nati dalla collaborazione tra stati e da faticosi sforzi diplomatici per mantenere la pace.
Già disposti ad aprire le nostre privatissime porte alle Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 09-01-2020

AstroPrevisioni 2020 – parte 2

orologio astronomico di Clusone (BG) elaborazione ©Fototeca Gilardi

Come annunciato, ecco la seconda parte (che segue la prima) delle previsioni astrologiche 2020 per i Segni di Terra e di Aria. Buon Anno a tutti voi!

TORO
Anche nel corso del 2020 a voi Toro il Cielo chiede di assecondare la voglia di cambiamento che da qualche tempo porta novità nella vostra vita. Novità a volte piacevoli, a volte meno, vi costringono a uscire dalla “zona di comfort” alla quale tenete particolarmente per proiettarvi all’esterno. Vi sentite insofferenti alla solita routine, provate il bisogno di Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 03-01-2020

Astro Previsioni 2020 – parte 1

orologio astronomico di Clusone (BG) elaborazione ©Fototeca Gilardi

Eccoci sulla soglia del terzo decennio del 2000, con le nostre previsioni astro-storiche. Quest’anno il destino di ogni Segno sarà associato ad un evento storico affine all’atmosfera che caratterizzerà i vostri prossimi 12 mesi. Questa prima parte delle Previsioni, riguarderà i Segni di Fuoco (Ariete – Leone – Sagittario) e i Segni d’Acqua (Cancro – Scorpione – Pesci). Seguirà, la prossima settimana, la seconda parte con i Segni di Terra (Toro – Vergine – Capricorno) e i Segni d’Aria (Gemelli – Bilancia – Aquario).

ARIETE
Il Cielo del 2020 vedrà formarsi una grande congiunzione nel segno del Capricorno portatrice di qualche pesantezza per voi appartenenti al primo segno dello Zodiaco, che dovrete Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 27-12-2019

Il Culto dei Re Magi

i Magi e la cometa incisa sul sarcofago  - elaborazione ©Fototeca Gilardi

Quando l’imperatrice Elena, madre di Costantino, si convertì al Cristianesimo decise di partire alla ricerca di tutte le reliquie che fosse possibile trovare nei luoghi dove Gesù era vissuto e dove soprattutto era morto. Dotata di una fortuna che ha del miracoloso e, si dice, aiutata da alcune famiglie autoctone, a più di due secoli dalla morte di Cristo trovò una notevole quantità di oggetti sacri: la cosiddetta Vera Croce, i chiodi usati per crocifiggere Gesù, l’iscrizione col motivo della Leggi tutto »

Autore: stefania lucarelli
Postato il : 23-12-2019